Casa investimento primario per le famiglie

L’investimento nel settore immobiliare si configura all’interno del nostro Paese nel lungo periodo con finalità primaria di salvaguardia dei risparmi dei nuclei familiari.
La casa si rivela sempre come un bene rifugio anche se le variabili governate dalle incertezze fiscali hanno penalizzato il mercato immobiliare gravando sulla domanda potenziale odierna che ha subito un forte rallentamento per quanto riguarda il settore delle seconde e terze abitazioni.
Il problema, secondo Paolo Righi, il Presidente Fiaip (Federazione italiana agenti immobiliari italiani), è la drammatica incertezza fiscale ed il disordine generatosi nel settore dopo l’introduzione dell’Imu, oltre al clima creato dal Governo Monti che ha influito notevolmente sulla contrazione degli scambi immobiliari negli ultimi trimestri.
Spread o non spread, secondo Righi, siamo al quinto anno di calo consecutivo del mercato delle transazioni immobiliari, con numeri ben lontani dalle compravendite del 2006.
Il Presidente Nazionale Fiaip ha infine affermato l’impossibilità di una bolla immobiliare poichè acquistare casa, in questo momento, è conveniente con la possibilità di fare ottimi affari visto il gioco al ribasso dei prezzi.
Ha inoltre dichiarato che l’acquisto immobiliare nel nostro Paese non è mai stato un investimento di breve periodo ma è sempre stato di medio-lungo termine, volto a tutelare sempre più i risparmi delle famiglie.
Concludendo, Righi ha puntualizzato come non bisogna fermarsi mai alla propria banca nella richiesta di erogazione dei mutui ma è necessario confrontarsi con vari istituti di credito e con più offerte di credito immobiliare.